La piena padronanza di un’auto sportiva richiede consapevolezza, abilità e autocontrollo.

Questo corso, oltre alle basi per la guida sicura, sviluppa sensibilità di guida, senso del limite e controllo dell’auto alle alte velocità.

Esercizi con velocità fino a 120 Km/h e molte serie di giri di pista sul circuito Internazionale per sviluppare una sensibilità alla guida da professionisti.

Un training che riproduce pericoli improvvisi, frenate, ostacoli, curve bagnate, asfalti scivolosi e vari tipi di curve stradali permettendo così di addestrarsi a valutare correttamente la velocità in avvicinamento di curva, intensità della frenata e traiettorie perfette.

Scopri come puoi proseguire la tua esperienza di guida con i corsi BMW Driving Experience
  • FRENATA IN CURVA. Frenata di emergenza durante la percorrenza di una curva a 120 Km/h con successivo evitamento di ostacolo. Anche in presenza dell’ABS occorre modulare la frenata per evitare pericolose perdite di aderenza dell’asse posteriore, nonostante la presenza del CBC.
  • AQUAPLANING IN CURVA. Il passaggio su una pozzanghera in curva può mettere in crisi la stabilità dell’auto: questo esercizio permette di riprodurre una delle maggiori insidie della pioggia, l’Aquaplaning.
  • TORNANTE BAGNATO “M”. Il controllo del sovrasterzo di potenza su bagnato con tutta la potenza delle nostre BMW “M” e tutti gli ausili elettronici disinseriti. Esercizio che sviluppa sensibilità e prontezza di riflessi nelle manovre di sterzo e di acceleratore; nel controllo del sovrasterzo di potenza e nel giusto “timing” di accelerazione in rapporto alla quantità di sterzo.
  • SLALOM CRONO. Percorso con fotocellule con slalom andata e ritorno.
  • SETTORE PISTA HANDLING CON BMW “M”. Una divertente e istruttiva doppia serie di giri pista Handling con BMW “M” costringe a lavorare su una sequenza di curve ravvicinate con una guida impegnativa che non lascia tempo per prendere fiato. Molto didattica per sequenze di staccata, scalata, inserimento in curva, è propedeutica alle serie del pomeriggio in pista internazionale dove ci sarà più velocità ma anche più tempo per pensare alle manovre di guida.
  • DIAGNOSI GUIDA. 3 giri per fare il punto dei progressi e dello stato dell’arte rispetto alla giornata precedente.
  • 1 giro dell’istruttore per evidenziare le tecniche-traiettorie da correggere.
  • 2a SERIE GIRI DI PISTA*. 4 giri impostando un crescendo di velocità e lavorando sugli errori che emergono.
  • PROVA DI SORPASSO. Due doppi transitori simulano il difficile rientro da un sorpasso a 120 Km/h; sviluppa controllo della traiettoria e sensibilità sullo sterzo.
  • 3a SERIE GIRI DI PISTA*. 5 giri: migliorando le tecniche e le traiettorie aumenta la velocità, si riducono i tempi decisionali e aumenta lo stress a cui si è sottoposti. Mantenere concentrazione e capacità di valutazione.
  • SLALOM ALTA VELOCITA’. Sequenza di doppi transitori a oltre 100 Km/h.
  • 4a SERIE GIRI DI PISTA*. 4 giri finali e sintesi del lavoro svolto.
  • GIRO AL CONTRARIO. 1 giro di pista finale per verificare l’apprendimento dei concetti di traiettoria.

*   Almeno tre delle serie di giri di pista verranno svolte su vetture “M”.

N.B. 18 giri di pista internazionale totali sul circuito di 4,2 Km.