Guida Sportiva


La piena padronanza di un’auto sportiva richiede consapevolezza, abilità e autocontrollo. Questo corso, oltre alle basi per la guida sicura, sviluppa sensibilità di guida, senso del limite e controllo dell’auto alle alte velocità. Esercizi con velocità fino a 120 Km/h e molte serie di giri di pista sul circuito Internazionale per sviluppare una sensibilità alla guida da professionisti. Un training che riproduce pericoli improvvisi, frenate, ostacoli, curve bagnate, asfalti scivolosi e vari tipi di curve stradali permettendo così di addestrarsi a valutare correttamente la velocità in avvicinamento di curva, intensità della frenata e traiettorie perfette.

 

Programma primo giorno

FRENATA DI EMERGENZA.
Su fondo bagnato e a basso coefficiente di aderenza, a 80 Km/h si frena di fronte a un ostacolo improvviso ma, non riuscendo a fermarsi nei pochi metri disponibili, occorre anche cercare di evitare l’ostacolo durante la fase di frenata. Questo esercizio insegna a sfruttare a fondo il potenziale frenante dell’auto e a ottenere dall’ABS i minori spazi d’arresto. A lato viene visualizzato lo spazio di arresto effettivo con palette numerate.

SOTTOSTERZO STEERING PAD.
In un cerchio di 80 mt di diametro, irrigato e con asfalto scivoloso, si sperimentano tutte le possibili le perdite di aderenza dell’asse anteriore: sottosterzo in inserimento di curva, sottosterzo in percorrenza e sottosterzo in accelerazione.

SOVRASTERZO SKID CAR.
Lo skid car montato sulle ruote posteriori dell’auto permette di ottenere improvvise perdite di aderenza dell’asse posteriore a bassa velocità, quindi in condizioni che non creano ansia e permettono di riflettere durante le manovre. Così si sviluppa sensibilità alla sbandata e l’automatismo della manovra di controsterzo in emergenza; è ideale anche per apprendere la giusta tecnica di controsterzo, la tecnica dell’incrocio.

SOVRASTERZO IN CURVA.
Si svolge con una vettura a trazione posteriore in una curva con vernice scivolosa e irrigata escludendo i sistemi di controllo della trazione. Si ottiene così un “sovrasterzo di potenza” e si lavora sul controllo della sbandata. Al termine verifica dell’efficacia dei sistemi di controllo provando con il sistema parzialmente inserito (DTC) e totalmente inserito (DSC).

SOVRASTERZO POTENZA.
Controllare la potenza di oltre 300 cv. Allena la sensibilità alla guida nel dosaggio della potenza e perfeziona la rapidità delle manovre di controsterzo e riallineamento.

EVITAMENTO OSTACOLO.
Un ostacolo improvviso costituito da una barriera d’acqua comandata dall’istruttore con un radiocomando è la situazioni di emergenza alla quale bisogna reagire: occorre un colpo deciso di sterzo per evitare l’ostacolo ma bisogna poi controllare il veicolo divenuto instabile durante il successivo riallineamento.

DIAGNOSI GUIDA.
Prima verifica dell’approccio dell’allievo con l’auto, analisi delle tecniche di guida principali e della capacità di valutare correttamente la velocità. 3 giri per valutare le tecniche di guida in avvicinamento di curva e il lavoro sulle traiettorie in curva. SLALOM. Evidenzia l’importanza di una corretta posizione delle mani sul volante e permette di testare il comportamento dell’auto in appoggio durante forti trasferimenti di carico nei doppi transitori.

GIRO dell'istruttore.
1 giro dimostrativo per visualizzare tecniche corrette e errate.

PISTA.
5 giri di pista per lavorare sulle tecniche di guida, sulla corretta valutazione della velocità in avvicinamento di curva e sui conseguenti spazi di frenata e tecniche di scalata.

PISTA.
Ultima serie di 5 giri, rifinitura delle velocità e verifica finale del lavoro svolto e sintesi della guida.

 

Programma secondo giorno

FRENATA IN CURVA.
Frenata di emergenza durante la percorrenza di una curva a 120 Km/h con successivo evitamento di ostacolo. Anche in presenza dell’ABS occorre modulare la frenata per evitare pericolose perdite di aderenza dell’asse posteriore, nonostante la presenza del CBC.

AQUAPLANING IN CURVA.
Il passaggio su una pozzanghera in curva può mettere in crisi la stabilità dell’auto: questo esercizio permette di riprodurre una delle maggiori insidie della pioggia, l’Aquaplaning.

TORNANTE BAGNATO "M".
Il controllo del sovrasterzo di potenza su bagnato con tutta la potenza delle nostre BMW "M" e tutti gli ausili elettronici disinseriti. Esercizio che sviluppa sensibilità e prontezza di riflessi nelle manovre di sterzo e di acceleratore; nel controllo del sovrasterzo di potenza e nel giusto "timing" di accelerazione in rapporto alla quantità di sterzo.

SETTORE PISTA HANDLING CON BMW “M”.
Una divertente e istruttiva doppia serie di giri pista Handling con BMW "M" costringe a lavorare su una sequenza di curve ravvicinate con una guida impegnativa che non lascia tempo per prendere fiato. Molto didattica per sequenze di staccata, scalata, inserimento in curva, è propedeutica alle serie del pomeriggio in pista internazionale dove ci sarà più velocità ma anche più tempo per pensare alle manovre di guida.

DIAGNOSI GUIDA.
3 giri per fare il punto dei progressi e dello stato dell'arte rispetto alla giornata precedente.

GIRO ISTRUTTORE.
1 giro dell'istruttore per evidenziare le tecniche-traiettorie da correggere.

2a SERIE GIRI DI PISTA*.
4 giri impostando un crescendo di velocità e lavorando sugli errori che emergono.

PROVA DI SORPASSO.
Due doppi transitori simulano il difficile rientro da un sorpasso a 120 Km/h; sviluppa controllo della traiettoria e sensibilità sullo sterzo.

3a SERIE GIRI DI PISTA*.
5 giri: migliorando le tecniche e le traiettorie aumenta la velocità, si riducono i tempi decisionali e aumenta lo stress a cui si è sottoposti. Mantenere concentrazione e capacità di valutazione.

SLALOM ALTA VELOCITA'.
Sequenza di doppi transitori a oltre 100 Km/h.

4a SERIE GIRI DI PISTA*.
4 giri finali e sintesi del lavoro svolto.

GIRO AL CONTRARIO.
1 giro di pista finale per verificare l'apprendimento dei concetti di traiettoria.

*Almeno tre delle serie di giri di pista verranno svolte su vetture “M”.

N.B. Giri di pista in 2 giorni 32: 14 + 18 su circuito di 4,2 Km

 

Pista: Autodromo Misano World Circuit (RN). Pista Internazionale e Centro di Guida Sicura e Handling.
Durata: 1 sera (21.15 - 22.30 teoria) e 2 giorni: ore 08.15 - 13.00 - 14.00 - 18.00.
Gruppo: 24 allievi il 1° giorno e 18 allievi il 2° giorno.
Auto: 12 auto BMW comprese “M” il 1° giorno e 9 il secondo giorno, attrezzate con VideoTelemetria HD con acquisizione dati da GPS e OBD e registrazione sulla SD Card dell’allievo.
Istruttori: 11 istruttori professionisti (9 il 2° giorno) sempre a fianco dell'allievo: rapporto 1 a 2.
Per ogni allievo: SD Card, pass e diploma personalizzati.

GuidarePilotare si riserva di apportare modifiche al programma senza preavviso, garantendo parità di contenuto formativo.






 

Richiesta Informazioni     Telefona 0541.612540

 

 

 

Le nostre attività

Prezzi e promozioni Calendario clienti